Simonetta Zanzottera

Nella nave di pietra

CONDIVIDI

Sull’isola Tiberina, uno dei luoghi più incantevoli di Roma, ha sede la polizia fluviale della Capitale

La polizia fluviale della Capitale ha sede nella vera culla dell’Urbe; è accarezzata dalle acque del Tevere in uno dei luoghi più affascinanti e suggestivi di Roma, dove è ancora vivo il contatto diretto con il “biondo fiume”. Parliamo dell’isola tiberina, la nave di Esculapio, “ancorata” alla città tramite il ponte Fabricio, il più antico di Roma, e il ponte Cestio.
Nel III secolo a.C. l’isola fu consacrata a Esculapio (dio della medicina importato dalla Grecia, dove si chiamava Asclepio) quando una terribile pestilenza flagellava la città. Racconta Ovidio (Metamorfosi, Libro XV, 622 e segg.) che una delegazione di cittadini romani si recò proprio in quel lontano tempio per chiedere al dio un’intercessione contro l’epidemia; di ritorno dal viaggio un grosso serpente, simbolo della divinità greca, sgusciò dalla trireme che risaliva il ... ...


Consultazione dell'intero articolo riservata agli abbonati

01/11/2012