a cura di Anacleto Flori

Rischiatutto

CONDIVIDI

«Ogni giorno che passa si allunga la Blacklist dei siti oscurati. Ma gli interventi di repressione da soli non bastano, bisogna anche portare avanti un’azione di prevenzione. È importante far capire ai nostri ragazzi il rischio che si corre giocando d’azzardo, un rischio ancor più amplificato dalle potenzialità offerte dalla Rete». Questo l’invito lanciato da Antonio Apruzzese, direttore del Servizio di polizia postale, nel corso della conferenza stampa di presentazione del progetto “Gioco on line: rischi e pericoli” che si è tenuta presso l’Ufficio relazioni esterne e cerimoniale diretto da Maurizio Masciopinto. L’iniziativa, che nasce dalla collaborazione tra la Postale, l’Amministrazione autonoma dei Monopoli di Stato e Skuola.net e con il supporto tecnologico di YouTube, prevede una serie di incontri tra gli operatori di polizia e gli studenti delle scuole superiori per richiamare l’attenzione dei ragazzi, ma anche degli insegnanti e dei genitori, su rischi e pericoli legati ai giochi online. Da un sondaggio realizzato da Skuola.net è infatti emerso che 7 minorenni su 10 hanno giocato almeno una volta online e che il 40% di loro non abbia alcuna percezione di compiere un atto illegale. Nell’ambito del progetto, gli studenti saranno chiamati a realizzare un video che esprima la loro idea di legalità e la loro esperienza in merito al divieto per i minori di effettuare giochi a pagamento, con cui partecipare a un concorso a premi. I video realizzati, saranno visibili anche sul canale YouTube dei Monopoli di Stato.

L’ Europa al volante
Roma. Lo scorso 29 settembre sono stati illustrati nella Capitale i risultati del Progetto Icarus (Inter cultural approaches for road users safety) promosso dal Servizio di polizia stradale e dalla Facoltà di medicina e psicologia dell’Università Sapienza di Roma e tenuto a battesimo nel 2009 dal ministero dell’Interno e dal capo della Polizia Antonio Manganelli. La cerimonia di presentazione dell’evento si è svolta in due momenti: il primo ha avuto luogo all’interno della Sapienza con la premiazione delle tre scuole vincitrici del concorso legato all’11^ edizione del progetto Icaro dal tema “Incidente stradale causalità o violenza?” In serata poi, presso il cinema The Space Moderno, è stato proiettato il film “Young Europe” girato in Francia, Irlanda, Italia e Slovenia e basato sul racconto delle vite spensierate di tre protagonisti cambiate dalla brutale esperienza dell’incidente stradale. Grazie a Icarus, che ha coinvolto 14 Paesi e preso in esame 12 mila giovani, è emerso lo stile di guida e i comportamenti sbagliati alla guida attraverso un percorso fatto di esperienze pratiche, esercizi e simulazioni, il cui scopo era quello di costruire in Europa una rete di ricercatori, educatori e operatori di polizia, per individuare i profili di rischio nei giovani guidatori.

Nel nome di Buompane 
 Reggio Calabria. Il 22 novembre 2011, presso il XII Reparto mobile di Reggio Calabria diretto dal Primo dirigente della Polizia di Stato Benedetto Sanna, si è svolta la cerimonia di intitolazione dell’Aula Magna al sovrintendente capo Marcellino Buompane deceduto il 29 maggio 2007 a seguito di un incidente stradale, mentre a bordo del Discovery del Reparto faceva ritorno, assieme ad altri 3 ... ...


Consultazione dell'intero articolo riservata agli abbonati

01/12/2011