Antonella Fabiani

Musica dritta al cuore

CONDIVIDI

Intrattenimento ma anche impegno sociale. Suono e ritmi esprimono i mutamenti del Terzo Millennio. A spiegarne il ruolo tra le nuove generazioni il sociologo Lello Savonardo

Luogo di aggregazione, di entusiasmi, di valori, di emozioni: la musica è sempre più lo spazio in cui i giovani si ritrovano a condividere e trasmettere il proprio universo. È la musica ad aver trasformato quasi in un solo corpo i tremila ragazzi presenti al concerto della legalità al Gran Teatro di Roma ed è stata ancora la musica ad aver veicolato i valori di questo concerto: rispetto, lealtà, amicizia, sincerità, amore, onestà, coraggio. “Uniti nei valori” è stato infatti lo slogan del concerto che i giovani hanno accolto con entusiasmo e partecipazione grazie a quel collante favoloso e misterioso che è la musica. Il linguaggio che più di tutti sa parlare al cuore di giovani e adulti soprattutto nella nostra epoca, più che mai è caratterizzata dai suoni anche grazie agli strumenti di diffusione tecnologica. E sono i suoni e i ritmi a raccontare non solo la nostra vita sociale, ma a condizionare, anche se non in modo razionale, i nostri percorsi, i nostri umori, le nostre esperienze.
«La musica contribuisce alla costruzione sociale individuale e collettiva della categoria dei giovani proprio per questa sua capacità di toccare le corde delle emozioni – spiega Lello Savonardo, docente di Comunicazione e culture giovanili presso la Facoltà di Sociologia dell’Università degli Studi di Napoli Federico II e Segretario generale dell’Associazione Italiana di Sociologia – perché oltre ad essere un elemento di intrattenimento nella vita degli adolescenti, assume un ruolo significativo nella costruzione di sé, della loro ... ...


Consultazione dell'intero articolo riservata agli abbonati

01/05/2011