Cristiano Morabito

Bloopers mania

Microfoni inquadrati per sbaglio, persone che invadono la scena e un aereo in volo sulle rovine dell’antica Troia. Alla ricerca degli errori nei film…

 Alla 70^ cerimonia della consegna degli Oscar del cinema nel 1998, il regista James Cameron conquistò ben 11 statuette (su 14 nomination) con il suo Titanic. Uno dei film più premiati nella storia del cinema. Un kolossal con attori straordinari, un vero e proprio “blockbuster”… ma anche una inesauribile miniera di errori. Un esempio? Sul transatlantico colpito dall’iceberg che ne provocò il drammatico affondamento compare un quadro di Monet: Le ninfee. Sicuramente in tono con il lusso della nave, soltanto che il pittore francese iniziò il suo quadro nel 1916 per finirlo nel 1923 e l’affondamento del Titanic è datato 1912…
Un errore, una leggerezza commessa dagli sceneggiatori che alla maggior parte del pubblico è passata inosservata, ma che non è sfuggita ai cinemaniaci. Sì, qui parlare di cinefili è riduttivo. I cinemaniaci sezionano, analizzano fotogramma per fotogramma i film fino a trovarne i numerosi errori, quelli che nel linguaggio appropriato vengono definiti bloopers.
I bloopers trovano la loro ... ...


Consultazione dell'intero articolo riservata agli abbonati

01/03/2011