a cura di Sergio Foffo

Fioretto mondiale

CONDIVIDI

Fioretto mondiale

Gran Palais di Parigi, mondiali di scherma.
Sul trono del fioretto femminile trovi la campionessa delle Fiamme oro che non ti aspetti: Elisa Di Francisca alza le braccia e si mette al collo la medaglia d’oro. Sul podio c’è anche la regina finora incontrastata, Valentina Vezzali, che per questa volta resta a guardare dal gradino più basso.
Argento per Arianna Errigo che dopo aver fermato Valentina, ha perso la finale contro Elisa, la sua amica-rivale, per 15 stoccate a 11.
Il 7 novembre è stato il “giorno perfetto” per la campionessa del Gruppo sportivo della polizia: ha sconfitto in semifinale la sua bestia nera, la coreana Hyun Nam, dopo aver eliminato la Suarez, la Kiefer, la Mohamed e la Jeon. «Non me l’aspettavo – ha commentato l’atleta cremisi – Sono tutt’ora incredula. È bellissimo e sono davvero al settimo cielo».
E pensare che a 18 anni aveva lasciato lo sport per amore: «Faticavo a vedermi inghiottita dalla scherma. Dopo un anno e mezzo però tornai. Arrivai seconda a una gara senza allenamento e capii che forse poteva venirne qualcosa di buono».
Bronzo per la Vezzali, che ancora non si capacita di ciò che le è accaduto: vinceva 10 a 5, ma a un certo punto si è spenta, è sparita dalla pedana, subendo la sconfitta senza piazzare più nemmeno una stoccata: «Ho avuto un black out – ricorda Valentina – non ho capito più nulla, ero in vantaggio di cinque stoccate ma da quel momento in poi non sono più riuscita a toccare».
Il terzo posto le ha comunque consentito di vincere la sua dodicesima Coppa del mondo.
Due giorni di riposo e le “poliziotte con il fioretto” ... ...


Consultazione dell'intero articolo riservata agli abbonati

01/01/2011