a cura di padre Franco Stano

San Giuseppe da Copertino

CONDIVIDI

Padre Giuseppe si trovava allora ospite in un convento cappuccino a Pietrarubbia, fra le colline marchigiane, dove era stato confinato a causa di un giudizio piuttosto perplesso del Sant’Ufficio di Napoli sui fenomeni mistici che ne accompagnavano la vita. Egli, che in precedenza era stato mandato e poi allontanato da Assisi, adesso stava per essere trasferito anche da Pietrarubbia, e questo a causa della sua crescente e invisa popolarità. Giunse infatti nel convento cappuccino, dove era ospite, il vicario generale del vescovo di Urbino che gli intimò di accompagnarsi a lui che lo avrebbe condotto ad altra destinazione.
«Dove mi porterete?», domandò timidamente padre Giuseppe.
«Mi è stato vietato di dirvelo», rispose il vicario generale.
«Ci sarà Dio nel luogo ove mi portate?», ... ...


Consultazione dell'intero articolo riservata agli abbonati

01/08/2010