a cura di Annalisa Bucchieri

Lotta al terrorismo: il rapporto della Fondazione Icsa

CONDIVIDI

È stato presentato nella sede della stampa estera il primo rapporto sul terrorismo internazionale della Fondazione Icsa alla presenza del ministro dell’Interno Roberto Maroni e del presidente della Fondazione Marco Minniti. Negli ultimi anni sono subentrati due elementi di preoccupazione, i conflitti in Iraq e in Afghanistan, che hanno mutato gli scenari e i possibili rischi per la sicurezza italiana ed europea in generale. Prendendo in esame questi due fronti di guerra, il rapporto rivela come i membri di Al Qaeda non abbiano più la necessità di coordinarsi nelle azioni terroristiche poiché risultano accomunati da una univoca visione del nemico esterno ed interno. Si osserva, inoltre, una particolare recrudescenza del fenomeno terroristico in Pakistan, Iraq e India. Il ministro Maroni, illustrando i risultati della lotta al terrorismo in Italia dal 2000 al 2010 – 200 arresti, 47 condanne e 62 esplusioni – ha sottolineato che la miglior strategia di prevenzione è favorire il massimo scambio di informazioni. E ha ribadito: «Abbiamo una capacità investigativa senza pari in Europa».

Giovani
Disturbi alimentari
Su iniziativa del ministero della Salute e del ministero della Gioventù è stata redatta la mappa dei Centri per il trattamento dei disturbi del comportamento alimentare in Italia, corredata dai risultati di un anno di lavoro degli sportelli online per il supporto dei giovani che soffrono di patologie legate al cibo, quali bulimia e anoressia. Il progetto nel quale si inseriscono queste iniziative, “Le buone pratiche di cura nei disturbi del comportamento alimentare”, è stato affidato alla Regione Umbria, capofila del progetto, nel quadro del Protocollo di Intesa “Guadagnare Salute” che promuove campagne ... ...


Consultazione dell'intero articolo riservata agli abbonati

01/07/2010