a cura di Annalisa Bucchieri

Armi: Spray per la difesa personale

CONDIVIDI

La quasi totalità degli strumenti di difesa personale presenti sul mercato è inserita normativamente nel novero delle armi comuni, in quanto capaci di offendere la persona e arrecarle un danno. La loro tossicità e il loro potere irritante sono tali da potersi trasformare in strumenti di aggressione nelle mani di un malintenzionato. Ecco perché il loro porto ed utilizzo è vietato. Ad oggi sono solo 3 i prodotti spray per la difesa personale di cui è consentita la libera vendita e circolazione, in quanto la Commissione consultiva centrale per il controllo delle armi ha espresso il parere che, in ragione del modesto contenuto di sostanza attiva (10% di estratto di frutti di capsicum, ovvero di peperoncino di Cajenna), non possono recare offesa permanente alla persona, qualificandoli, quindi, “non armi”: Penna Safeguard-S (prodotta dalla ditta cinese Spring Time di Taipei); Portachiavi Key Defender e Palm Defender, prodotti negli Usa dalla Armaments systems and procedures.

Minori
5 maggio: un giorno per dire no tutto l’anno

È stata istituita per la prima volta il 5 maggio la Giornata nazionale contro la pedofilia, a ribadire l’impegno del governo e del parlamento italiano su questo fronte, allineandosi alle preoccupazioni dell’Unione europea che ha pubblicato dei dati secondo cui il fenomeno è in aumento. La Ue stima che tra il 10 e il 20% dei bambini subiscano abusi sessuali. La maggior parte di loro non denuncia, visto che spesso l’abuso è compiuto da familiari o persone vicine. Ma è soprattutto su Internet che la pedofilia ha assunto proporzioni spaventose. Dal 2003 ... ...


Consultazione dell'intero articolo riservata agli abbonati

01/05/2009