Maurizio Costanzo

No al traffico di cuccioli

CONDIVIDI

La criminalità organizzata da tempo si occupa di cani, nel senso che organizza feroci combattimenti finalizzati alle scommesse. I cani, destinati al massacro, devono essere quelli più robusti e incattiviti. Ma questo non bastava, evidentemente. Infatti veniamo informati di un traffico di cuccioli di razza. Partiti dall’Europa dell’est, i cuccioli ... ...


Consultazione dell'intero articolo riservata agli abbonati

01/05/2009