a cura di Maria Grazia Giommi

Nel nome della legge

CONDIVIDI

CASSAZIONE CIVILE

Impianti pubblicitari su autocarri in un’area privata
La collocazione di impianti pubblicitari su un autocarro, in sosta per più giorni su un’area privata ma in prossimità della strada pubblica e visibile dalla stessa, configura una violazione dell’art. 23, quarto comma cds, che sanziona la collocazione di cartelli e di altri mezzi pubblicitari lungo le strade o in vista di esse, ove effettuata senza autorizzazione dell’ente proprietario della strada pubblica.
(Sez. II – 13 giugno 2007 n. 13842)

Trasporti eccezionali - Deroga alla richiesta di autorizzazione
Il trasporto di convogli di dimensioni straordinarie, cosiddetto “trasporto eccezionale”, può avvenire, ai sensi dell’art. 10 cds, solo previo rilascio di apposita autorizzazione, a meno che non si tratti della sola urgente rimozione di un veicolo in avaria, costituente pericolo per la circolazione degli altri veicoli, effettuata lungo l’itinerario necessario per raggiungere la più vicina officina. (Nella specie, la S.C. ha rigettato l’opposizione, osservando che dalla sentenza impugnata risultava che il convoglio oggetto del trasporto, un camion fermatosi per avaria sul quale erano state precedentemente caricate alcune vetture da competizione, era stato trainato non all’officina più vicina ma all’autodromo di originaria destinazione).
(Sez. II – 15 giugno 2007 n. 14032)


CASSAZIONE PENALE

Falsa perizia
Il reato di falsa perizia previsto dall’art. 373 cp è ipotizzabile anche nei confronti del consulente tecnico d’ufficio nominato nel corso di un procedimento civile.
(Sez. VI – 4 aprile 2007 n. 14101)
Corruzione - Alienazione
ad un soggetto pubblico di un bene
In tema di corruzione, ove l’accordo corruttivo abbia ad oggetto l’alienazione ad un soggetto pubblico di un bene, il profitto del reato non è costituito dall’intero corrispettivo e quindi dalla somma di denaro equivalente al controvalore del bene, di cui il corruttore aveva già prima la proprietà, ma dalla sola plusvalenza che il privato venditore ha realizzato, pattuendo illecitamente un corrispettivo superiore rispetto al valore normale di mercato. (Fattispecie in cui, previo accordo corruttivo con i pubblici ufficiali rappresentanti di un Comune, un intero complesso immobiliare era stato venduto, per un corrispettivo superiore al reale valore di mercato, al Comune medesimo).
(Sez. II – 13 aprile 2007 n. 15082)

Smontaggio e vendita di pezzi di un’autovettura di provenienza delittuosa
Integra il delitto di riciclaggio lo smontaggio e la successiva vendita, o riutilizzo in altro modo, dei singoli pezzi di un’autovettura di provenienza delittuosa, pur se non muniti di codici identificativi suscettibili di alterazione, in ragione dell’idoneità dell’indicata condotta ad ottenere l’occultamento della provenienza del bene.
(Sez. II – 13 aprile 2007 n. 15092)

Furto - Dolo eventuale
Nel delitto di furto è ravvisabile il dolo eventuale quando sia rimasta accertata l’accettazione, da parte dell’agente, del rischio che la cosa di cui si impossessa possa legittimamente appartenere ad altri. (Fattispecie nella ... ...


Consultazione dell'intero articolo riservata agli abbonati

01/11/2008