Umberto Galimberti

Paura

CONDIVIDI
L’ Italia ha paura per il diffondersi della delinquenza comune più di quanto non sia preoccupata per la disoccupazione, per il diffondersi della droga, per la condizione giovanile, per l’inflazione crescente, per la crescita zero. E questo nonostante una recente indagine del Censis confermi il calo dei reati connessi alla delinquenza comune.
Perché allora tanta paura? Perché gli italiani hanno una percezione così distorta della realtà? Non è che scaricano sulla delinquenza comune un’angoscia più imprecisa che non riescono a individuare e a cui non sono capaci di dare un nome? Da sempre la mancata individuazione delle cause rende illeggibili i fenomeni e poco credibile il reperimento dei rimedi. La miscela della scarsa comprensione e della scarsa leggibilità ... ...


Consultazione dell'intero articolo riservata agli abbonati

01/10/2008