Umberto Galimberti

Bullismo

CONDIVIDI
Sempre di più la scuola sale agli onori della cronaca non per la sua qualità, ma per il suo degrado in ordine al comportamento degli studenti che prendono a pugni i più deboli, palpeggiano le professoresse, fotografano scene sessuali che poi mandano su Internet, fino a invadere aule e corridoi con i loro motorini.
Si dirà che il bullismo c’è sempre stato come eccesso dell’esuberanza giovanile. È vero. Ma oggi ha passato paurosamente il limite, al punto da generare nei genitori angoscia, negli insegnanti impotenza, e nella società nel suo complesso disorientamento.
Le ragioni vanno cercate nel fatto che siamo passati dalla “società della disciplina” dove ci si dibatteva tra permesso e proibito alla “società dell’efficienza e della performance spinta” dove ci si dibatte tra il possibile e l’impossibile, senza nessun riguardo e forse ... ...


Consultazione dell'intero articolo riservata agli abbonati

01/06/2008