Marcello Ugolini

Guardie e ladri

FILIPPINE
Manila. I non più giovanissimi ma anche i giovani di oggi, ricorderanno il film “Guardie e ladri” con le magnifiche interpretazioni di Totò e Aldo Fabrizi. Il primo ladro, il secondo guardia che ingaggiano un’inseguimento e proprio nel corso di questo Fabrizi intima a Totò di fermarsi perché, data la mole, lui non ce la faceva più e doveva riprendere fiato.
La stessa scena è accaduta, però con ruoli inversi, nella capitale filippina: un ladro, un po’ anzianotto, aveva rubato due cellulari ed altre cose in un appartamento di un quartiere periferico. Dopo una fuga ed una rincorsa durata per una decina di minuti per le vie e i vicoli di quel quartiere il ladro ansimando come un mantice si volta e prega i poliziotti di dargli un po’ di tregua.
Questi all’inizio sono rimasti sbigottiti ma poi hanno fatto il loro dovere: hanno agguantato il ladro e lo hanno ... ...


Consultazione dell'intero articolo riservata agli abbonati

01/10/2007