Le licenze

CONDIVIDI

Quando, come e perché richiederle agli uffici di polizia

In quali casi, come e a chi inoltrare richiesta
Per svolgere alcune attività commerciali e non, ad esempio aprire un’agenzia d’affari o praticare il volo sportivo, fornire prestazioni professionali particolari come quelle da fochino o lavorare nel settore dei preziosi, è necessario ottenere un’autorizzazione di pubblica sicurezza che viene rilasciata dai competenti uffici della Polizia di Stato. In questa prima parte esplicativa dell’inserto sono raccolte tutte le informazioni necessarie per richiedere nulla osta e licenze. A seguire i fac-simile dei moduli da utilizzare, che sono scaricabili in versione integrale, corredati dalle avvertenze, dal sito ufficiale www.poliziadistato.it alla sezione Altri servizi. Allo stesso indirizzo Internet potrete trovare notizie ulteriori sulle licenze e relativa modulistica in materia di armi ed esplosivi, argomento trattato da Poliziamoderna nell’inserto di luglio 2006.


Licenza di agenzia d’affari
Le agenzie d’affari sono quelle imprese, comunque organizzate, che si offrono come intermediarie nell’assunzione o trattazione di affari altrui, prestando la propria opera a chiunque ne faccia richiesta.
Gli elementi che caratterizzano l’agenzia di affari sono:
- l’esercizio organizzato ed abituale di una serie di atti;
- una prestazione di opera a chiunque ne faccia richiesta;
- la natura essenzialmente di intermediazione di tale opera.

Per alcune attività di agenzia d’affari occorre presentare richiesta di autorizzazione per l’esercizio dell’attività alla questura:
- agenzia di affari di recupero crediti;
- agenzia di pubblici incanti (aste);
- agenzia matrimoniale;
- agenzia di pubbliche relazioni.
Il modulo per la richiesta della licenza va presentato in questura o presso un commissariato di pubblica sicurezza.
I requisiti per l’autocertificazione sono i seguenti:
- legittimazione a richiedere il rilascio, qualora chi ha prodotto l’istanza operi in nome e per conto di società;
- potere di disposizione dei locali (contratto d’acquisto o di locazione, ecc.);
- agibilità dei locali e conformità alla loro destinazione d’uso, rilasciata dal comune;
- sorvegliabilità dei locali, da provare con allegati planimetrici;
- tabella delle operazioni autorizzate, comprensiva di tariffe conformi alle regole attuali di mercato, vistata dall’Ufficio;
- deposito cauzionale su libretto postale vincolato a favore della Prefettura - ... ...


Consultazione dell'intero articolo riservata agli abbonati

01/01/2007