Antonella Fabiani

Un capolavoro di calendario

CONDIVIDI

Sicurezza e arte, il binomio scelto per il calendario di quest’anno. Dodici opere da sfogliare ogni mese e da appendere come quadri

A raccontare la sicurezza quest’anno saranno alcuni pittori del passato. I dodici capolavori contenuti nel calendario della polizia mostreranno in che modo grandi artisti come Caravaggio, Velazquez, Rembrandt, tanto per citarne alcuni, hanno visto e interpretato, riportandole sulla tela, la protezione, la vigilanza, la giustizia nel loro tempo. Filo conduttore la sicurezza rintracciata in alcuni capolavori di diversi momenti della storia dell’arte a partire dal XV fino alle soglie del XIX secolo.
Ad essere rappresentate molte scene di vita quotidiana ma anche episodi religiosi tratti dalla Bibbia raccontati attraverso colori, forme, simboli e allegorie. Un rapido sguardo e si parte da gennaio con l’affresco di ispirazione biblica La cacciata di Eliodoro dal Tempio, di Raffaello Sanzio, a raffigurare la protezione e la sicurezza dell’essere umano, a febbraio si prosegue con L’arcangelo Michele che difende la città di Roma dal flagello del male, realizzato dal raffinato Perin del Vaga, che decora la sala Paolina di Castel Sant’Angelo; ad aprire marzo La Flagellazione, del pittore cinquecentesco Federico Zuccari, uno degli affreschi dell’Oratorio del Gonfalone di Roma dedicato al ciclo della “Passione di Cristo”. Al mese di aprile è dedicato un quadro originale di Annibale Carracci dove, per la prima volta, è raffigurato il controllo sui prezzi e sulle merci che le guardie dovevano esercitare nelle botteghe dei macellai; mentre il seicentesco La Rissa dei popolani, del caravaggesco Francesco Villamena del mese di maggio, illustra un episodio di ordine pubblico realmente ... ...


Consultazione dell'intero articolo riservata agli abbonati

01/01/2007