Carlo Cerracchio*

Rientro amaro

CONDIVIDI

Finiscono le vacanze, arriva la tristezza. Difficoltà a dormire, lavorare, e ritrovare il buon umore. Quando i sintomi persistono meglio prenderli sul serio

Mare, sole. Dormite, mangiate. Serviti e riveriti in albergo o su una nave da crociera, liberati dei pargoli dalla baby sitter del villaggio turistico, lontani da orari e dagli strilli del capoufficio. Sembra inevitabile soffrire della mancanza di tutto ciò al rientro delle ferie. Ma a volte il giustificato malessere si trasforma in patologia.

Un disturbo della società del benessere
La cosiddetta sindrome post vacanza, in qualche modo riconducibile alla classificazione del disturbo post-traumatico da stress, è un tentativo soprattutto mediatico di descrivere una serie di sintomi psicofisici che colpiscono i villeggianti al rientro da un periodo prolungato di ferie.
Bisogna fare molta attenzione a queste cosiddette  “sindromi”,   sempre più numerose e fantasiose, nel senso che spesso si tenta di dare una spiegazione univoca a situazioni molto più complesse, che possono essere eccessivamente ... ...


Consultazione dell'intero articolo riservata agli abbonati

01/08/2006