Umberto Galimberti

politica

CONDIVIDI
Da sempre la politica si è qualificata come ricerca del bene comune, il bene di tutta la città. Questa immagine della politica, che risale a Platone e ad Aristotele e che ha alle sue spalle duemila anni di tradizione, sopravvive come immaginario, come falso punto di riferimento che porta a fraintendere ogni decisione, se mai esiste, e a rendere incerto qualsiasi comportamento politico che intende operare in un tessuto sociale la cui complessità non riesce più a essere contenuta nella semplicità di quell’immaginario.
Il tentativo più vistoso della ricerca del bene comune è stato rappresentato, almeno nelle intenzioni, dal comunismo di cui contempliamo le macerie. Ma non sono da meno le macerie delle democrazie rappresentative dove il proliferare delle idee, delle esigenze e degli interessi rende difficoltoso il ... ...


Consultazione dell'intero articolo riservata agli abbonati

01/03/2006