a cura di Antonella Fabiani

VETRINA

Antonio Bevere, Augusto Cerri
IL DIRITTO DI INFORMAZIONE E I DIRITTI DELLA PERSONA
Milano,Giuffrè editore, pp. 288, e 29,00

Il volume esamina il delicato problema del fondamentale diritto di fare e avere informazione da parte dei cittadini e la violazione dei diritti della persona. La libertà di manifestare il proprio pensiero ha avuto nel tempo il suo riconoscimento giuridico, la diffusione di notizie e opinioni è infatti il fondamento della crescita individuale e collettiva alla base di ogni società civile che può comprendere notizie e informazioni riguardanti l’esercizio del potere pubblico e privato e la dimensione comunitaria dei singoli cittadini. Si parla di diritto di stampa, come diritto di diffondere attraverso la stampa e altri mezzi di comunicazione, notizie e commenti. Ma questo può trovare un limite in ciò che viene tutelato e protetto e apre una serie di domande e distinzioni anche tra i vari settori di informazione. Se, infatti, è più facile individuare la libertà di pensiero per alcuni settori del giornalismo come la cronaca rosa, la pubblicità commerciale, le cose cambiano per quanto riguarda la libertà artistica, religiosa o politica. L’azione informativa ha una sua influenza sulla opinione pubblica lasciando ai cittadini la libertà di trarre insegnamenti da tutti i fatti portati alla loro conoscenza. Il testo riporta le risposte e le soluzioni proposte dalla dottrina giurisprudenziale rispetto alle lesioni dei diritti della persona  che possono crearsi in settori più importanti della informazione quali il diritto di cronaca, di critica e quello di satira.

T. Martines, G. Silvestri, ... ...


Consultazione dell'intero articolo riservata agli abbonati

01/04/2006