Anacleto Flori

Servizio di quartiere

CONDIVIDI

Servizio di quartiere

Sempre più prossimità nelle città italiane. Sono saliti a 3.700 i poliziotti e i carabinieri che a partire dalla metà di gennaio vigilano sulla sicurezza dei quartieri di moltissime province di tutta la Penisola. 754 operatori in più in servizio in altre 126 zone nelle città di Roma, Milano, Napoli e Torino, facendole così salire a 748. Un potenziamento dell’organico annunciato durante la presentazione della “Polizia di quartiere”, da parte del presidente del consiglio dei ministri, Silvio Berlusconi e dal ministro dell’Interno, Giuseppe Pisanu,  nell’aula magna della Scuola superiore dell’amministrazione dell’Interno gremita delle massime autorità della Polizia di Stato e dell’Arma dei Carabinieri ma soprattutto dei 754 uomini e donne assegnati al servizio. “Il poliziotto di quartiere è una iniziativa – ha sottolineato il ministro Pisanu dopo aver rivolto un augurio ai nuovi operatori – che ha riunito in una felice sintesi diverse strategie operative, coordinando le risorse disponibili per evitare che vengano commessi reati. La strada fatta è stata tanta e la riduzione dei reati lo dimostra. Dati che però – ha osservato il ministro – non raccontano ciò che si è evitato che accadesse ma dicono la quantità di sicurezza percepita dai cittadini”. Sono loro infatti i principali interlocutori a essere soddisfatti di questo servizio che ha portato serenità e fiducia in particolare tra i commercianti, più esposti alla criminalità, oltre a registrare una riduzione, secondo i dati, dei reati commessi dalla criminalità predatoria come scippi, furti, borseggi e rapine in diverse città italiane. A partire dal mese di marzo si estenderà poi su tutto il territorio nazionale il servizio della denuncia telematica che permetterà ad altri cittadini, collegandosi ai siti web della Polizia di Stato e dell’Arma dei Carabinieri di presentare la denuncia di furto.

Tutti in scena
Roma. Tutti in scena a festeggiare la conclusione del 1° ciclo del V Corso vice revisori tecnici della Polizia di Stato presso la Scuola allievi agenti di Roma di Casal Lumbroso. Lo scorso 14 dicembre alcuni frequentatori del corso appassionati di teatro hanno infatti deciso di portare sulle tavole del palcoscenico un atto unico di Eduardo De Filippo dal titolo “Quei figuri di tanti anni fa”. L’idea ha riscosso l’approvazione del direttore della scuola, Mario Conversano che ha messo a disposizione l’aula magna della scuola per le prove e la rappresentazione, mentre i costumi di scena sono stati forniti a titolo gratuito dal prestigioso teatro San Carlo di Napoli. Visti la bravura e il successo ottenuto, chissà se dopo le compagnie teatrali ... ...


Consultazione dell'intero articolo riservata agli abbonati

01/02/2006