Caro Basco Blu

Caro Basco Blu
scrivo di te e rivedo
Ottana ancora immersa nel buio
le ciminiere ed un gregge infinito:
è un bambino che lo guida sotto la pioggia?

Caro Basco Blu
sorrido con te e ricordo
Escalaplano e quattro muri di sassi
odore di lentischio che arde
una pagnotta divisa con tutti…..

Caro Basco Blu
cammino con te e mi appaiono
Sorgono e il gippone che sprofonda
fango fino alle pedane
chi lo ha tirato fuori?

Caro Basco Blu
soffro con te e mi ritrovo
nella zona di Lula - arriva qualcuno -
al volgere di una notte tormentata
due ombre prendono forma nella stradina
"fermo - spegni le luci - chi sei?"

Caro Basco Blu
piango con te mentre riecheggiano spari
Funtana Fridda e Osposidda
Michele - Pietro - Antonio
giornate maledette…..

Caro Basco Blu
penso a te e risento
le voci amiche di "Roma-Palermo Uno" e "Fureddu":
dove vi trovate?
Quercia Cinque e Sei - Noce Uno e Due non rispondono
la cantoniera Sant’Efisio è ormai lontana
14 Ottobre 1970
le ruote dell’ultima campagnola
si staccano dalla banchina
ciao Basco Blu.

                                                                                                G.T.

01/12/2005