Stefano Clerici

Io gioco, tu giochi, egli incassa

CONDIVIDI

L’azzardo legale in crescita fra gli italiani. Venti miliardi commessi solo nel 2003. Ma altrettanti finiti nel giro clandestino

Io gioco, tu giochi, egli incassa

A qualcuno potrà sembrare strano, ma gli ultimi studi in materia dicono che nella stragrande maggioranza dei casi il giocatore abituale è un giocatore perfettamente consapevole del destino che l’attende. Sa, cioè, nell’istante stesso in cui comincia la sua “avventura”, che quando andrà a fare i conti, alla fine del mese o dell’anno, li troverà in rosso. Anzi, spesso in profondo rosso. Ma allora – si chiede giustamente chiunque non sia un amante del gioco – perché costui continua a tirar fuori soldi sapendo di buttarli? Perché è una persona “malata”, rispondono parecchi psichiatri. No, dicono altri esperti, bisogna distinguere tra “malati” di gioco e “affezionati” del gioco. Lo scommettitore può essere semplicemente un uomo all’inseguimento d’un sogno che lo appaghi anche solo per brevissimo tempo. Vale a dire: c’è chi gioca perché non può, addirittura fisicamente, farne a meno ma c’è anche chi, invece, gioca per puro amore del rischio o per la voglia matta di mettersi una volta nella vita al volante di una Ferrari tutta sua (pur sapendo che la settimana successiva potrebbe essere costretto a rivenderla per pagare i debiti). O c’è chi decide di sfidare il destino investendo una certa cifra (rapportata però razionalmente alle proprie possibilità) nella speranza di sistemare per la vita se stesso e gli altri. Dove gli altri sono soprattutto coniuge, figli e nipoti. Ci sono due differenze ... ...


Consultazione dell'intero articolo riservata agli abbonati

01/11/2004