a cura di Loredana Lutta

Giro di vite per gli sfruttatori del sesso

CONDIVIDI

Giro di vite per gli sfruttatori del sesso

Pur essendo vietata dal 1948 nella Corea del Sud la prostituzione continua a essere un’attività fiorente e diffusa. Un’indagine condotta nel 2003 dall’Istituto di criminologia coreano ha messo in luce come l’industria del sesso sia più che tollerata: più del 20 per cento degli uomini adulti acquisterebbe servizi sessuali in media quattro volte al mese mentre il 4,1 per cento delle donne, nella fascia d’età tra venti e trenta anni, sbarcherebbe il lunario tramite una della miriade di forme di prostituzione praticate nel Paese. Secondo il 68,5 per cento del campione di uomini e donne intervistati sul tema dal ministero per le Pari opportunità, nelle scuole, nelle forze armate e nelle imprese ci sarebbe una cultura nazionale di fondo favorevole al sesso a pagamento. Una cultura che la legge entrata in vigore qualche settimana fa intende cambiare con multe elevate e pene detentive fino a 10 anni contro trafficanti di esseri umani, sfruttatori e persino clienti. Nel rapporto 2004 del Dipartimento di stato Usa sul traffico di esseri umani la Corea del Sud viene descritta come “Paese di origine, transito e destinazione” di donne del ... ...


Consultazione dell'intero articolo riservata agli abbonati

01/11/2004