Mario Poltronieri

C’è del nuovo in città

CONDIVIDI

Molte case automobilistiche hanno sviluppato progetti per auto dai consumi contenuti che permettono una guida riposante.

C’è del nuovo in città

Per l’automobile il 2004 si apre con segnali meno preoccupanti rispetto alle previsioni stilate a metà 2003. L’opinione dominante è che non siamo in vera crisi, visto che i due milioni e 200 mila unità si sono superati anche lo scorso anno. C’è invece un reale problema di sovrapproduzione – in Europa attorno al 10 per cento – che condiziona in parte le politiche di vendita, ma che dovrebbe riassorbirsi nel prossimo futuro anche in funzione di accordi, sinergie e fusioni fra marchi e gruppi. Interpellando i guru del settore si ha poi una conferma: la crescita del segmento delle citycar e delle monovolume compatte, oltre alle crescenti nicchie dei Suv (sport utility vehicle) e degli Mpv (multipurpose vehicle) mentre si conferma il buon momento per le 4x4 in versioni più o meno automobilistiche od off-road. Ma il vero tema interessante è il lancio di nuovi modelli di piccole dimensioni per uso prevalentemente cittadino e di monovolume – di misura inferiore ai quattro metri anche di varie decine di centimetri – che offrono però un’abitabilità, una capienza e un confort che le qualificano come vetture polivalenti e tuttofare, ... ...


Consultazione dell'intero articolo riservata agli abbonati

01/02/2004