Fulvia Caprara

Cascatori alla riscossa

CONDIVIDI

Viaggio tra gli uomini e le donne ai quali le grandi produzioni affidano le scene più rischiose dei film. Per non “sciupare” il divo. La scuola italiana

Cascatori alla riscossa

Sono gli innominabili eroi del cinema. Quelli veri, abituati, per mestiere, a mettere a repentaglio la loro vita senza trarne il minimo vantaggio in termini di celebrità. Nessuno li conosce, né di viso, né di nome, eppure si devono a loro le fantastiche acrobazie alla base di tanto cinema d’azione. Senza le controfigure, senza gli stuntman e le stuntwoman, sempre più numerose e indispensabili nelle pellicole degli ultimi anni, non sarebbe stato possibile girare scene di inseguimenti mozzafiato, cadute vertiginose, duelli all’ultimo sangue. Qualcosa, però, sta cambiando. Lo dimostrano alcuni segnali importanti: l’Academy Awards ha introdotto, da pochissime stagioni, premi dedicati ai professionisti nelle tecniche per le controfigure e, dal 2001, per volontà di Dietrich ... ...


Consultazione dell'intero articolo riservata agli abbonati

01/08/2004