Mario Poltronieri

A cielo aperto

CONDIVIDI

Moltissimi i modelli di autovetture senza tetto proposti da varie case produttrici. Versioni per tutte le tasche e per tutte le stagioni

A cielo aperto

Nel mondo dell’auto c’è un acronimo che identifica il coupé-cabriolet: CC. L’ultima, geniale intuizione delle case costruttrici per ampliare sensibilmente una nicchia di mercato finora elitaria non tanto o non solo per il prezzo, superiore alla corrispettiva berlina, quanto per il fastidio di dover chiudere o alzare la capote in funzione del tempo e per la sensazione dei più, che una vettura scoperta col tetto in tela non sia, ancor oggi, altrettanto comoda d’inverno. Ebbene con la soluzione del tetto retrattile, spesso metallico, a comando elettroidraulico, quindi senza fatica e senza impegno, si è offerta la possibilità di avere una vettura realmente bivalente nell’arco dell’intero anno. La prima coupé-spider di successo è stata la Mercedes SLK, lanciata ... ...


Consultazione dell'intero articolo riservata agli abbonati

01/08/2004