Paola Madonna

Pattuglie per il cyberspazio

CONDIVIDI

dalm 8-9-22

Francia
La Gendarmeria francese sta affilando le armi contro la crescente minaccia della criminalità informatica e inaugura a Sèvres, a due passi dalle rive della Senna, la nuova sede del ComCyberGend, il comando che riunisce sotto un’unica bandiera tutti i servizi specializzati della Gendarmeria operanti nel cyberspazio a protezione di internauti, istituzioni, enti e imprese, potenziali obiettivi di attacchi informatici. E le richieste di assistenza si fanno sempre più numerose: basti pensare che a Rennes, i 35 gendarmi della brigata digitale, da quando è stata istituita nel febbraio 2018, hanno risposto a non meno di 620mila segnalazioni, con una media di 435 interventi al giorno, una mole di lavoro che i servizi sul territorio non sarebbero mai riusciti a gestire. Di fronte all’esplosione del fenomeno e alla professionalità dei criminali informatici questa nuova struttura si è dotata di uno staff altamente qualificato per raggiungere il massimo delle potenzialità operative, contando su un organico di oltre 7.700 unità: il 25% del personale è laureato, mentre tutti i militari della divisione tecnica sono ingegneri specializzati in sicurezza informatica o in possesso di un dottorato. In occasione dell’ultimo Forum internazionale della cybersicurezza, la Gendarmeria ha presentato l’intera gamma delle ... ...


Consultazione dell'intero articolo riservata agli abbonati

30/08/2022