Massimo Montebove

La rinascita di Lucrezia

CONDIVIDI

La storia di una bambina, figlia di un appartenente alla polizia, che dopo aver combattutto sin da piccola con la leucemia, anche grazie al sostegno e alla vicinanza del Fondo assistenza, oggi può raccontare i suoi sogni nel cassetto

fondo11-21

Donatello D’Alessandro è un assistente capo coordinatore che lavora a Roma, all’Ufficio presidenziale della Polizia di Stato. La sua compagna si chiama Cristina Cecchini: hanno due figli, Enrico e Lucrezia. Una famiglia come tante fino al 2012. All’epoca il primogenito aveva 15 anni e la bambina 10. Una vita piena e complessivamente serena, fatta di lavoro e impegni, ma anche di tanto spazio per gli affetti e per i bei momenti da condividere insieme. Donatello è un padre orgoglioso della sua famiglia che si è visto purtroppo stravolgere la vita: «Tutto ha avuto inizio 9 anni fa – racconta – quando, all’improvviso una mattina, mentre preparavamo Lucrezia per portarla a scuola, abbiamo notato qualcosa di strano in lei: un piccolo bozzo che aveva dietro l’orecchio sinistro. Abbiamo iniziato una serie di visite e controlli ... ...


Consultazione dell'intero articolo riservata agli abbonati

12/11/2021