a cura di Mauro Valeri

In nome della legge

CONDIVIDI

Cassazione penale

Intercettazione ambientale a mezzo di captatore informatico – Esecuzione all’estero a seguito di spostamento della persona intercettata – Rogatoria – Necessità – Esclusione
L’intercettazione ambientale a mezzo captatore informatico inoculato in Italia ed eseguita anche all’estero per lo spostamento della persona intercettata, non richiede l’attivazione di una rogatoria, atteso che l’installazione del captatore avviene in territorio nazionale e la captazione nei suoi sviluppi finali e conclusivi si realizza in Italia attraverso le centrali di ricezione che fanno capo alla procura della Repubblica.
(Sez. II – 22 ottobre 2020 n. 29362)

Reati contro il patrimonio – Appropriazione indebita – Oggetto – Dati informatici sottratti da un computer aziendale poi formattato – Sussistenza – Ragioni 
Integra il delitto di appropriazione indebita la sottrazione definitiva di “file” o “dati informatici” attuata mediante duplicazione e successiva cancellazione da un personal computer aziendale, affidato all’agente per motivi di lavoro e restituito “formattato”, in quanto tali “dati informatici” – per struttura fisica, misurabilità delle dimensioni e trasferibilità - sono qualificabili come cose mobili ai sensi della legge penale.
(Sez. II – 10 aprile 2020 n. 11959)

Intercettazioni di conversazioni o comunicazioni mediante installazione di “trojan” – Riforma introdotta dal dlgs n. 216 del 2017, come modificato dal dl 30 aprile 2020, n. 28, convertito dalla legge 25 giugno 2020, n. 70 – Decorrenza – Disciplina applicabile ai procedimenti in materia di criminalità organizzata iscritti in epoca anteriore al 1 settembre 2020
In tema di intercettazioni di conversazioni o comunicazioni mediante installazione di un captatore informatico (trojan), la Quinta sezione ha affermato che la riforma introdotta dal dlgs 29 dicembre 2017, n. 216, come modificato dal dl 30 aprile 2020, n. 28, convertito dalla legge 25 giugno 2020, n. 70, si applica ai procedimenti iscritti dal 1 settembre 2020, con la conseguenza che i procedimenti in materia di criminalità organizzata iscritti anteriormente a tale data sono soggetti alla disciplina precedentemente in vigore, nel rispetto dei principi affermati dalla sentenza delle Sezioni Unite n. 26889 del 2016.
(Sez. V – 25 novembre 2020 n. 33138)

Prove – intercettazioni di conversazioni o comunicazioni – In genere installazione di apparecchiature atte ad ... ...


Consultazione dell'intero articolo riservata agli abbonati

01/02/2021