Giandomenico Protospataro

E-bike e i suoi fratelli

CONDIVIDI

Continua il viaggio nella rivoluzione dei trasporti a basso impatto in città: questo mese parliamo della nuova generazione di biciclette elettriche, ma anche di hoverboard, segway e monowheel

noslav02 7-20

I dispositivi di micromobilità autobilanciati

Per i dispositivi autobilanciati, cioè hoverboard, segway e monowheel, ci sono molte restrizioni per la circolazione. In primo luogo, la possibilità di circolazione è vincolata alla condizione necessaria dell’adesione volontaria dei comuni alla sperimentazione. Altrimenti il loro uso è limitato a parchi o giardini chiusi al traffico (salvo divieti specifici). I comuni, autorizzano in via sperimentale la circolazione dei dispositivi per la micro-mobilità elettrica, esclusivamente in ambito urbano, e indicano le specifiche tipologie d’infrastrutture stradali e/o parti di strada (tra quelli indicati nella tabella di cui all’allegato 2 del dm n. 229/2019) sulle quali possono circolare i dispositivi. I comuni che aderiscono alla sperimentazione, ammettono, salvo specifici divieti, la circolazione di tutti i dispositivi per la micro-mobilità elettrica purché siano dotati di un limitatore di velocità configurabile a 6 km/h. La normativa consente che la sperimentazione abbia luogo per hoverboard e monowheel solo sulle strade nelle aree pedonali urbane, a una velocità non superiore a 6 km/h; questi dispostivi non possono circolare, invece, sulle piste ciclabili o sulle strade poste fuori dell’area delimitata come pedonale urbana. Per i segway, invece, i comuni possono scegliere se consentirtene la circolazione sulle strade in zone 30, sulle strade con limite di velocità non superiore a 30 km/h, sulle piste ciclabili, sui percorsi pedonali e ciclabili, ad una velocità non superiore a 20 km/h. I segway possono circolare anche sulle aree pedonali urbane, a una velocità non superiore a 6 km/h. Su tutte queste strade o aree sono collocati cartelli stradali che indicano l’inizio e la fine della possibilità di uso dei dispositivi. Per evitare gravi conseguenze (sanzione pecuniaria, sequestro e confisca del dispositivo) occorre sempre muoversi nell’ambito del territorio della sperimentazione e, soprattutto, ... ...


Consultazione dell'intero articolo riservata agli abbonati

07/07/2020