Anna Cassarino

Per non perdere il filo

Utilizzata per costruire case, per isolarle o per proteggere il corpo dal freddo, da sempre la lana è parte della nostra società. In Abruzzo, Toscana e Piemonte tre musei ne raccontano la storia

amb 02-20

Agli animali la protezione contro il freddo è stata fornita dalla natura con la lana, la pelliccia o la peluria, capaci di trattenere fra le fibre un cuscinetto d’aria che ostacola la dispersione del calore dei corpi. L’uomo ha usufruito del vello di molti animali lanosi, tosandoli durante la bella stagione o raccogliendone i bioccoli che restavano impigliati sui cespugli, o pettinandoli per poter filare e tessere stoffe con cui proteggersi a propria volta. La lana è ottima anche per costruire abitazioni provvisorie ma leggere e calde come le yurte dei nomadi asiatici, fatte di feltro. In tempi lontani, ... ...


Consultazione dell'intero articolo riservata agli abbonati

07/02/2020