Chiara Distratis

Due ruote in rosa

ffoo 12-17

Periodo d’oro per le ragazze del ciclismo Fiamme oro che stanno facendo incetta di successi e podi sia negli ovali di parquet dei velodromi che sugli sconnessi e fangosi circuiti di ciclocross. Partiamo da Alice Maria Arzuffi, 23enne lombarda, che corre nel ciclocross. Il 5 novembre quando si è presentata al via dei Campionati europei a Tabor, nella Repubblica Ceca, non era tra le favorite, ma si è subito incollata ai tubolari della campionessa del mondo, la belga Sanne Cant, e della fuoriclasse olandese, Luvinda Brand e le tre crossiste hanno creato il vuoto tra loro e le altre cicliste. Purtroppo a metà dell’ultimo giro un piccolo errore ha escluso Alice dallo sprint per la vittoria ma la poliziotta si è messa al collo una prestigiosa medaglia di bronzo; primo storico podio femminile italiano a un Europeo assoluto di ciclocross, disciplina che, per tradizione e cultura, è da sempre dominata dalle atlete nordeuropee. «Il 2017 è stato un anno particolare per me – ha raccontato Alice – Forse non è iniziato nel migliore dei modi, ma si può dire che sia stato un anno “in crescendo”. La stagione di ciclocross è partita molto bene, devo solamente cercare di mantenere la forma fino a febbraio, per i Campionati del Mondo. Nel 2018 mi concentrerò sull’attività fuoristrada per partire subito bene nelle prime Coppe del mondo in America». Nel ciclismo su pista le Fiamme oro schierano un tris di giovani cicliste: Maria Giulia Confalonieri, 24enne lombarda; Rachele Barbieri, ventenne emiliana ed Elisa Balsamo 19enne piemontese. Il terzetto cremisi fa parte della compagine italiana che nelle ultime tre competizioni internazionali, che si sono svolte tra ottobre e novembre, e cioè i Campionati europei di Berlino e le prime due prove di Coppa del Mondo in Polonia e Inghilterra ha vinto tra prove individuali e di squadra 12 medaglie: 3 ori, 1 argento e 8 bronzi. Ai Campionati europei ... ...


Consultazione dell'intero articolo riservata agli abbonati

05/12/2017