Valentina Pistillo

Più libri più liberi più sicuri

Poliziamoderna alla Fiera della piccola e media editoria per il secondo anno. Un successo fatto di idee e incontri tra poliziotti scrittori e pubblico

cult_01_17

«Una presenza sorprendente quella di Poliziamoderna, rivista ufficiale della Polizia di Stato. Il suo stand, di fronte al nostro, è stato tra i più coinvolgenti e visitati di Più libri più liberi»,  confessa divertito Fabio Del Giudice, responsabile Aie (Associazione editori italiani) della fiera romana. «E saremo contentissimi di ospitare la rivista  anche nei futuri appuntamenti, come quello che ci sarà a Milano in primavera e nella prossima edizione romana della fiera romana che si svolgerà nella nuvola di Fuksas», aggiunge con entusiasmo il direttore dell’Aie, Alfieri Lorenzon. Sono stati per la nostra rivista cinque giorni intensi e pieni di incontri interessanti quelli che si sono tenuti al Palazzo dei Congressi dell’Eur dal 7 all’11 dicembre (nella foto in basso, in apertura, il momento dell’inaugurazione). Affollato e vivace, così è apparso ai tanti visitatori il nostro spazio (allestito anche grazie al contributo di Budget Autonoleggio) che quest’anno ha aperto con una novità: il concorso instant, che prevedeva la possibilità di lasciare su un post-it , ogni giorno di un colore diverso, un pensiero o un commento partendo dalle immagini del calendario 2017, realizzato dal fotografo  Gianni Berengo Gardin.  Alla fine sono state tantissime le persone che si sono fermate davanti alle tavole del calendario e che hanno apposto sulle dodici fotografie i piccoli foglietti colorati con le loro impressioni, i loro ringraziamenti e persino con le loro poesie. I più belli, i più commoventi e i più originali, oltre ad essere stati premiati giorno per giorno, hanno avuto la piccola ma meritata soddisfazione di essere pubblicati proprio all’interno di questo articolo. Ma non solo.  Il successo complessivo della Fiera , che ha visto il passaggio di 50mila visitatori, ha ancora una volta ribadito la vitalità della lettura nella società multimediale.  Un valore, quello dei libri, sul quale Poliziamoderna punta da sempre non solo ospitando una rubrica di recensioni e di diversi articoli culturali, ma anche  promuovendo concorsi letterari, come l’ultimo, Parole migranti  aperto ai poliziotti e i ragazzi under 21, sul tema dell’integrazione,  e pubblicando, come editore, le raccolte dei racconti vincitori. Proprio per questo durante la Fiera, Poliziamoderna ha organizzato, nello Spazio Ragazzi curato dalle Biblioteche di Roma, la presentazione di alcuni libri di poliziotti scrittori. Una vetrina importante che ha  permesso di ribadire il percorso virtuoso da anni intrapreso dalla nostra rivista: quello di fare informazione su aspetti fondamentali come sicurezza e legalità, anche attraverso i libri. E si è passati dal volume di  Antonio Savoldi (Con questi occhi con queste mani e con questo cuore)  con le  sue drammatiche storie di giovani ospiti di una comunità di recupero, a quello di  Maurizio Lorenzi (Identikit),  che ha raccontato il  lavoro intuitivo del disegnatore di identikit Giovan Battista Rossi, per anni alla Scientifica di Milano, il quale, sotto gli sguardi stupiti dei visitatori, ha “abbozzato” i tratti di un ipotetico assassino, fino all’appassionato  libro  di Gianpaolo Trevisi (Fogli di via), ricco  di racconti di di uomini e donne  che con le loro storie di immigrazione e di umanità  hanno lasciato un segno indelebile nella sua vita. ϖ

10/01/2017