a cura di Cristina Di Lucente

Incontri d'autore

CONDIVIDI

pdn11-16

Catania. La scintilla è scoccata nel 2014, al Salone internazionale del libro di Torino. Allora Fancesco Manna, Maurizio Lorenzi e Vincenzo Tancredi si sono conosciuti come poliziotti scrittori allo stand ufficiale della Polizia di Stato, ciascuno con la propria opera letteraria. A distanza di due anni, un nuovo appuntamento, questa volta organizzato dall’associazione culturale Graziella Corso a Catania, di cui Francesco è presidente. Quando i poliziotti raccontano la vita è il sottotitolo dell’appuntamento articolato su due serate, una ad Acireale, all’interno della villa comunale e una a Misterbianco, nello storico palazzo del Senato. Ciascuno ha vivacizzato l’appuntamento letterario con interventi per presentare il proprio libro e coinvolgere il pubblico. Hanno partecipato all’incontro  anche Gianluca Granieri, autore di Un milanese a Catania, e Antonio Costa, poliziotto con una poderosa voce da tenore, che ha animato con interessanti intermezzi musicali l’iniziativa all’insegna della cultura e dell’arte. Nell’ambito della manifestazione è stata presentata anche una estemporanea di pittura  realizzata da artisti del territorio. 

Cercando l’armonia 
Roma. Chi si è trovato a passeggiare nella storica piazza Vittorio a ottobre, ha potuto godere della personale di Giorgio Bisanti, un’esposizione di opere scultoree e quadri che hanno arricchito il compendio di San Eusebio per buona parte del mese. Poliziotto con la passione e la competenza artistica che deriva dallo studio all’Accademia delle belle arti della Capitale e dai contatti con maestri di tutto rispetto, Renato Guttuso e Pericle Fazzini, solo per nominare i più noti, Giorgio è un’artista eclettico che si diletta con le arti figurative. Nel lavorare la terracotta tratta la materia in maniera vibrante, la rende viva: trasmette l’emozione modellandola. La ricerca dell’armonia è la chiave di lettura della sua opera, come si evince dalle terracotte dedicate alle donne. Talvolta è la natura a suggerirgli l’idea delle forme: è il caso dello scoglio con il profilo egizio di origine salentina che “accoglie” i visitatori nel chiostro del complesso che ospita la mostra: «La sua struttura era già in nuce, mi sono limitato a tirare fuori i volumi e a levigare la pietra», racconta l’artista. Il Gallo, olio su tavola del 2011, prende invece a prestito la grammatica espressiva di Picasso, in un’opera espressionista a tinte forti, una sorta di Urlo personale contro le violenze. Per concludere La Rinascita, fatta di radici e tronchi delle montagne del Conero, ispirata per la forma tormentata dal terribile terremoto del 2012 ma allo stesso tempo dotata dello slancio della speranza che ne ha ispirato il titolo. 

Rome Night Run 7
Roma. Il furioso acquazzone e le strade sconnesse della Capitale non hanno fermato i centauri del Moto club Polizia di Stato, che ha organizzato, per la settima edizione, la Rome Night Run, il motoraduno di portata nazionale aperto a tutti i tipi di moto. 750 iscritti, oltre 600 moto in corteo e numerosi altri appassionati hanno sfidato le strade di una magica Roma notturna, scortati da circa 30 motociclette delle forze dell’ordine tra Polizia ... ...


Consultazione dell'intero articolo riservata agli abbonati

31/10/2016